“Erasmus Plus 2022”, si riparte!

  • di

Domenica 2 gennaio è giunto a Volterra un bel gruppo composto da quattordici giovani artigiani diplomati presso diverse scuole di formazione professionale di Stoccarda per dare inizio alla edizione numero 21 del Progetto Europeo “Erasmus Plus” ex “Leonardo da Vinci”. Finalmente dopo la frettolosa ed anticipata conclusione del marzo 2020 ed il successivo anno di congelamento totale di tutte le attività dovute al lock down a causa delle misure anti CoVid 19 torniamo a parlare di questo importante evento e ad ospitare nella nostra città i ragazzi tedeschi che lo animeranno.

A differenza degli anni passati il primo incontro tra tutti i soggetti partecipanti non è avvenuto come di consueto a Stoccarda presso la Sede Centrale della Camera dell’Artigianato, ma a distanza con un collegamento in rete, durante il quale oltre alla sottoscrizione virtuale dei contratti, si sono tenute una breve presentazione dei diversi cantieri di lavoro ed uno scambio reciproco di saluti.

Sabato 8 gennaio nel chiostro della Pinacoteca Civica c’è stato il primo incontro istituzionale, normalmente si sarebbe svolto in Palazzo dei Priori ma le attuali situazioni di diffusione pandemica hanno suggerito di optare per una soluzione all’aperto, cosa che non ne ha in alcun modo condizionato lo svolgimento e durante il quale le autorità cittadine, rappresentate del Sindaco Giacomo Santi e dal Consigliere Delegato Adriano Lonzi, il vertice della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra con il Presidente Dott. Roberto Pepi ed i diversi partners, hanno sottolineato il grande interesse verso l’Erasmus plus e l’importanza che riveste per la l’intera Città di Volterra rivolgendo ai giovani artigiani il più cordiale saluto di benvenuto a nome di tutta la cittadinanza.

Sono passate già due settimane dal loro arrivo presso la casa del Gruppo Italiano Amici della Natura “Il Vile”, dove alloggeranno per i prossimi tre mesi, accolti dai responsabili dell’Associazione stessa e da quelli di Villa Palagione Centro Interculturale che cureranno congiuntamente l’organizzazione del “Progetto” per le proprie rispettive competenze: l’assistenza diretta e la parte culturale con l’apprendimento della lingua. Sono stati ricordati i traguardi di assoluto rilievo conseguiti, che hanno elevato il “Progetto Erasmus Plus”, realizzato a Volterra, ad un livello di assoluta eccellenza in ambito europeo per la sua longevità e ricchezza di contenuti ricevendo, a più riprese, attestati di stima e plauso da parte delle Istituzioni della Comunità Europea che ne sovra intendono all’organizzazione ed al finanziamento.

Come da prassi consolidata il programma di lavoro per i prossimi tre mesi sarà articolato in due fasi ben distinte: la prima prevede che durante il mese di gennaio si attui un percorso di ambientamento con apprendimento della lingua, cultura e tradizioni italiane, che si concretizzerà con visite guidate in città, sul territorio e a musei con i quali abbiamo un legame particolare, come ad esempio quella che verrà effettuata all’ abitazione di Leonardo a Vinci; saranno oggetto di escursioni anche città di rilevanza storica artistica ed architettonica come Firenze, Pisa, Siena e Lucca e proseguirà con la presa di contatto con le diverse sedi di lavoro.

Poi a partire dal mese di febbraio fino alla fine di marzo ci sarà l’impiego operativo nei diversi cantieri in continuità con quanto già realizzato negli scorsi anni presso il Museo Etrusco Guarnacci, le diverse sedi di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra oltre che nelle imprese artigiane dove ciascun giovane svolgerà il proprio tirocinio formativo. Anche nel 2022 le professioni sono variamente rappresentate: imbianchini, laccatori, muratori, ma anche carpentieri, falegnami, arredatori, idraulici, alcuni dei quali lavoreranno presso aziende artigiane della città che hanno una tradizione di partecipazione ormai consolidata e pluriennale, rinnovando un rapporto che viene descritto da tutti con l’appellativo di “eccezionale” non solo dal lato professionale lavorativo ma anche sul piano personale di stima ed amicizia.

E’ stata una grande soddisfazione ed al tempo stesso emozione, per tutti gli intervenuti, dare il via a questo nuovo capitolo di un percorso iniziato nell’ormai lontano 1998 e che anno dopo anno si ripropone per raggiungere nuovi e sempre più prestigiosi risultati con immutata energia. Il nostro desiderio, ma anche di tutti coloro che, a vario titolo, compongono il gruppo organizzativo e di lavoro legato al Progetto Erasmus Plus, è rivolgere il più cordiale benvenuto ai quattordici giovani tedeschi sicuri che, tutti insieme, riusciremo con la dovuta attenzione e nel rispetto rigoroso delle regole a portare a compimento il percorso prefissato superando questo periodo difficile ed indesiderato che ci troviamo ad affrontare, e come in ogni altra edizione rappresenterà un momento importante ed indimenticabile ma soprattutto una scuola straordinaria di socializzazione e crescita culturale a totale beneficio di un percorso formativo e professionale personale, un passo di fondamentale maturazione nella loro veste di futuri autentici cittadini europei.